Hosted by blogspot.com
Hosted by blogspot.com
MENU - Calendario di:-nei prossimi giorni
APRILE-- maggio--anno 2017-- 2016
---infraSETTIMANALI cicliche :- CORSA NORDIC W.
per inserire una manifestazione invia i dati a: info@podismoveneto.it
Hosted by blogspot.com
Hosted by blogspot.com

Il cuore e la corsa


Chi fa attività fisica prende in genere a riferimento dei parametri per valutarne l’intensità.
Il corridore ha l’abitudine di rilevare la velocità al km per determinare il tipo impegno profuso (dato poco attendibile sui percorsi di montagna), oppure si affida esclusivamente all’ascolto di se, mentre alcuni podisti hanno l’abitudine di monitorare lo sforzo con il rilevamento dei parametri cardiaci. Riguardo questo aspetto, possiamo dividere in fasce di lavoro ben distinte le attività dell’organismo. Il rilevamento dei battiti cardiaci è in genere compito di un cardiofrequenzimetro che regala in tempo reale le pulsazioni effettive. Un sedentario ha in genere 60/70 battiti al minuto a riposo, mentre un corridore di resistenza ne ha solamente 40/60 grazie alla maggior “potenza” del suo cuore. Questa attività possiamo definirla basale, ma quando si inizia a correre il cuore alza rapidamente la sua capacità contrattile. Il riferimento, anche se molto soggettivo, per l’attività aerobica (definita anche lenta) è compresa nel range fra 130 e 150 battiti per minuto. In questo ambito si ha solitamente una produzione lattacida che non supera i 2 millimoli per litro.

Le intensità medie si ritrovano intorno a 160 battiti per minuto, dipende ovviamente dalle caratteristiche personali, ma soprattutto dall’età e dal grado di allenamento. Oltre le 170 pulsazioni per minuto, entriamo spediti nel campo anaerobico ed in sostanza andiamo a registrare proprio in quell’ambito il valore della soglia anaerobica. Oltre i 180 battiti per minuto, troviamo un’attività massimale e solo i più giovani e geneticamente predisposti possono eseguire lavori non brevissimi a quelle intensità. Alla massima attività cardiaca e di conseguenza in presenza di massimo debito d’ossigeno troviamo nel muscolo produzioni lattacide che possono arrivare ed in alcuni casi superare i 20 millimoli per litro. Per avere una visione esatta delle proprie soglie di esercizio e per capire le forbici di sforzo consigliate, si dovrebbe ricorrere a dei test specifici. Se così non è, bisogna essere molto bravi nel percepire i segnali che l’organismo ci manda. Un cuore in forma è un cuore con ampie escursioni, lento a bassa intensità, agile e scattante quando si accelera.

Questo articolo è stato pubblicato in Run&Fit
da www.santuccirunning.it    -    richiedi ulteriori informazioni

Hosted by blogspot.com

Con Ovunque Running viaggi, corri, pedali, ti alleni, conosci nuovi amici, ti emozioni, vivi nuove esperienze.

NEWS: clicca qui
----------------------------------------
Ovunque Running è il tuo partner ideale per organizzare le più belle maratone, mezze, ultra, trail in Italia, in Europa e nel Mondo.

Il calendario dei nostri eventi sempre aggiornato su www.ovunquerunning.it

ITALIA - EUROPA - MONDO - TRAIL, ULTRA, ADVENTURE

Passione per la corsa e per i viaggi, hotel selezionati personalmente (in posizione strategica), assistenza e accompagnamento gestito in prima persona (la nostra forza!), rapporto di collaborazione preferenziale (a volte in esclusiva) con gli organizzatori delle gare, cura dei dettagli e di ogni esigenza rendono l'esperienza con Ovunque Running unica e completa sotto ogni aspetto.
Chiedi a chi è già stato con noi, la nostra miglior pubblicità.

Ovunque Running (by Ovunque Viaggi s.r.l.)
Rua Pioppa 9 - 41121 Modena (Italy)
Tel +39 059 219566 - Fax +39 059 246192

e-mail - facebook - Twitter - Youtube